Consigli per una frittura leggera

Anche se non tutto il fritto fa male, non vuol dire che faccia bene alla salute. Tuttavia, se preparato nel modo giusto e mangiato con moderazione, può comunque essere inserito in una dieta sana. Ecco di seguito alcuni semplici accorgimenti da seguire per ottenere un fritto più leggero:

SCEGLI IL GIUSTO OLIO Quando si frigge la temperatura dell'olio può superare i 190 °C e se l'olio diventa troppo caldo rischia di scurirsi e fare fumo, rilasciando molecole e composti tossici (ad esempio, l'acroleina) che possono provocare effetti dannosi sul sistema respiratorio e comportare altre conseguenze più gravi.

Affinché una frittura risulti leggera è importante scegliere un olio con un punto di fumo elevato, come l'Olio di Oliva Mild&Light di Filippo Berio in grado di sostenere temperature di cottura fino a 200-210 °C. Questo prodotto presenta inoltre un basso contenuto di grassi saturi se paragonato ad altri oli e altri grassi lavorati come burro, lardo e margarina.

Grazie al gusto neutro e molto leggero, senza uno spiccato sapore di oliva, è l'ingrediente ideale per friggere qualsiasi cibo, anche per ricette dolci.

filippo berio advertising
EVITA LA PASTELLA DI FARINA

La pastella a base di farina è certamente deliziosa, ma la farina assorbe più olio rispetto ad altri ingredienti, come il pangrattato o la farina di mais. Laddove possibile riduci la quantità di farina usata per la pastella o, se non è possibile, cerca di aggiungere un pizzico di bicarbonato o birra (oppure acqua frizzante) per ridurre l'assorbimento di olio.

CONTROLLA LA TEMPERATURA DELL'OLIO

Se da un lato è fondamentale non bruciare l'olio, dall'altro è altrettanto importante evitare di usare l'olio prima che questo abbia raggiunto la temperatura corretta.
I cibi fritti in un olio che non ha raggiunto la temperatura ottimale cuoceranno comunque in breve tempo, ma assorbiranno una quantità maggiore di olio che conferirà al fritto una consistenza finale molle e unta, per non parlare di un più elevato contenuto di grassi.
Se possibile, utilizza un termometro per la frittura per mantenere la corretta temperatura dell'olio dall'inizio alla fine.

SCOLA E ASCIUGA IL FRITTO

Riduci la quantità di olio in eccesso presente sul cibo fritto ponendolo su carta assorbente dopo averlo tolto dalla padella. Sostituisci una o due volte la carta assorbente per assicurarti che il fritto sia ben asciutto.

NON RIUTILIZZARE L'OLIO

Sebbene riutilizzare più volte lo stesso olio sia economicamente più conveniente, ogni volta che un olio viene scaldato il suo punto di fumo si riduce, compromettendone la composizione e la qualità.
Inoltre se l'olio usato viene conservato in maniera errata o per troppo tempo può diventare rancido e pregiudicare la qualità e il sapore dei cibi.
Per ottenere ogni volta fritti squisiti, croccanti e gustosi usa sempre nuovo olio.

cerca

in tutto il sito