Grassi

I grassi costituiscono una parte fondamentale di una dieta sana e rappresentano una ricca fonte di energia, con una resa due volte superiore a quella di carboidrati e proteine.

Inoltre i grassi trasportano le vitamine liposolubili come le vitamine A, D, E e K, essenziali per mantenere un buono stato di salute.

Il punto è che non tutti i grassi sono uguali! Il segreto per una dieta sana ed equilibrata non è escludere completamente i grassi, ma preferire quelli "buoni" a quelli "cattivi".

  • prevention oil's attitude

    I grassi insaturi sono considerati “buoni” perché contribuiscono al corretto funzionamento del sistema cardiaco e riducono il colesterolo, favorendo quindi un ottimo livello di salute generale.

    I grassi monosaturi e polisaturi appartengono a questa categoria e si formano quando almeno un atomo di carbonio della cellula adiposa si unisce con un atomo di idrogeno attraverso un legame doppio (i polinsaturi presentano più legami doppi). A temperatura ambiente questi grassi tendono a presentarsi allo stato liquido e comprendono: olio di oliva (una delle fonti più ricche di grassi monosaturi), olio di semi di girasole, mais e colza.

  • prevention oil's attitude

    I grassi saturi possono invece aumentare il livello di colesterolo, favorendo l'insorgere di problemi cardiaci, infarto, diabete, pressione arteriosa elevata e altri gravi disturbi della salute.

    Nei grassi saturi gli atomi di idrogeno e quelli di carbonio contenuti nella cellula adiposa presentano esclusivamente legami singoli. A temperatura ambiente questi grassi si presentano in forma solida o semi-solida e includono: lardo, burro, formaggi duri, latte intero, grassi animali, nonché olio di palma e cocco.

  • prevention oil's attitude

    I grassi idrogenati (o trans) sono creati per mezzo di processi artificiali di idrogenazione che servono a solidificare l'olio per produrre margarine o allungare la Shelf Life di un prodotto.

    Questi sono in assoluto i grassi peggiori: i nutrizionisti e i dietologi raccomandano fortemente di consumarne il meno possibile in quanto possono portare all'aumento dell'incidenza dei problemi cardiaci.

cerca

in tutto il sito